fbpx

La Via del VTC – esperienza della tesi: Michele

Tesi di Viet Tai Chi.

E’ arrivato il momento.

Il momento tanto atteso ma anche tanto temuto vista la sua importanza. È il momento di fare l’esame per il passaggio di grado e, oltre alle prove tecniche, è necessario presentare anche una tesi.

L’elemento più importante è l’argomento: può trattarsi di qualcosa che ci ha affascinato sin dai primi anni di pratica e che desideriamo approfondire oppure può trattarsi di elaborare uno strumento che possa servire anche agli altri praticanti per progredire nello studio e nella pratica del Viet Tai Chi. L’argomento può anche essere suggerito dal relatore che seguirà il candidato durante questo percorso di preparazione; molto spesso il Relatore corrisponde al proprio insegnante diretto o a qualche altro insegnante della Associazione frequentata. Nel mio caso ho presentato 4 tesi sempre con lo stesso relatore che mi ha sempre aiutato a trovare l’argomento giusto e a sviluppare il lavoro con stimoli e idee sempre nuove.

Il suggerimento che mi sento di dare è soprattutto di pianificare bene tutto il lavoro fin dall’inizio e distinguere tutti i vari punti da affrontare e sviluppare; per fare questo è bene porsi delle domande, tipo:

– perché ho scelto questo argomento?

– qualcuno ha già fatto tesi simili o la mia è la prima?

– si tratta di un argomento che può interessare a molte persone o solo a me?

Le risposte a queste domande aiuteranno a preparare una introduzione, infatti è molto importante elencare le motivazioni che hanno portato alla scelta di un argomento e la modalità in cui vogliamo svilupparla – dobbiamo quindi presentare dettagliatamente il progetto, parlando della motivazione personale e dell’obiettivo che si vuole raggiungere – ci sarà spazio, a seconda della tipologia dello studio, per parlare anche della metodologia della ricerca (se c’è stata) e dettagliare la struttura del lavoro che abbiamo intenzione di realizzare. L’introduzione può anche essere scritta durante lo svolgimento del lavoro ed essere arricchita e sistemata durante tutto il lavoro.

Prepariamoci quindi ad affrontare un piano di lavoro e di studio dettagliato dividendo tutti gli argomenti in maniera strutturata, pensando ad un indice di massima, che poi potrà subire svariate variazioni in corso d’opera ma che rimarrà comunque una base.

Gli esempi potrebbero essere tantissimi ma se pensiamo ad una tesi dedicata ad un Quyen di Viet Tai Chi, immaginandone una con armi, focalizziamo la ricerca su:

  • origine della forma
  • descrizione dell’arma utilizzata
  • analisi del poema
  • elementi energetici coinvolti
  • simbologia della forma
  • azioni , tecniche della forma, applicazioni ecc.
  • descrizione delle tecniche accompagnate da fotografie.

Poiché molto spesso ci troviamo a trattare argomenti su cui è già stato scritto qualcosa, è bene attingere poche cose dai libri ufficiali e pensare più ad un lavoro personale sia di ricerca che di impressioni ed esperienza diretta, difficoltà nell’imparare la forma, soddisfazioni nell’interpretazione della forma, considerazioni personali su quello che si è ricevuto dalla pratica della forma e del Viet Tai Chi in generale.

Ci sarà poi modo di aggiungere qualcosa sulle proprie esperienze durante il percorso, parlare di come il Viet Tai Chi possa essere entrato nella nostra pratica quotidiana o come possa ver cambiato le nostre abitudini.

Dedichiamoci successivamente alle conclusioni e e ai ringraziamenti. Alla fine poi sarà necessario indicare la bibliografia.

Michele Piva
Maestro IV Dang

Articolo creato 110

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto